Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca

Il lato oscuro di PyPI: un rapporto svela come delle librerie sono state camuffate da malware

Redazione RHC : 22 Novembre 2023 07:25

Per quasi sei mesi, aggressori sconosciuti hanno pubblicato pacchetti dannosi nel repository Python Package Index (PyPI) che hanno infettato i computer degli sviluppatori con malware persistente, rubare dati riservati e ottenere l’accesso ai portafogli di criptovaluta delle vittime.

Secondo un nuovo rapporto di Checkmarx, 27 pacchetti camuffati da popolari librerie Python utilizzando il typosquatting, sono stati scaricati da migliaia di utenti. 

La maggior parte dei download proviene da Stati Uniti, Cina, Francia, Hong Kong, Germania, Russia, Irlanda, Singapore, Regno Unito e Giappone.

Modello di attacco

“Una caratteristica distintiva di questo attacco è stato l’uso della steganografia per nascondere un payload in un file immagine dall’aspetto innocente, rendendo l’attacco più furtivo”, hanno scritto i ricercatori.

I pacchetti dannosi includevano: pyefflorer, pyminor, powler, pystallerer, pystob e pywool, l’ultimo dei quali è stato creato il 13 maggio 2023.

Una caratteristica comune di tutti i pacchetti era l’uso di uno script setup.py per includere collegamenti ad altri pacchetti dannosi (come pystob e pywool), che venivano distribuiti sul sistema della vittima da VBScript per scaricare ed eseguire un file chiamato Runtime.exe, che ha assicurato un punto d’appoggio nel sistema.

All’interno del binario c’era un file compilato in grado di estrarre informazioni da browser, portafogli di criptovaluta e altre applicazioni. È stato segnalato che Pystob e Pywool vengono pubblicati con il pretesto di essere strumenti di gestione API. Quindi utilizzano i webhook Discord e tentano di prendere piede nel sistema inserendo un file VBS nella cartella di avvio di Windows.

Checkmarx ha notato anche una catena di infezione alternativa: il codice dannoso era nascosto in un’immagine PNG (uwu.png), che successivamente è stata decodificata ed eseguita per estrarre l’indirizzo IP e l’UUID del sistema interessato.

Payload all’interno dell’immagine
Payload utile decodificato

“Questa campagna serve come un altro duro promemoria delle minacce persistenti avanzate. Queste esistono nel panorama digitale di oggi, specialmente nelle aree in cui la collaborazione e la condivisione del codice aperto sono fondamentali”, hanno affermato gli analisti di Checkmarx in una nota.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.