Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Il ransomware HavanaCrypt viene distribuito simulando un aggiornamento di Google.

Il nuovo ransomware viene distribuito come un falso aggiornamento software di Google e utilizza le funzionalità di Microsoft come parte del suo attacco.

Sono i ricercatori di Trend Micro a dare la notizia, scoprendo il pacchetto ransomware HavanaCrypt, che si maschera da un aggiornamento del software di Google. Il malware utilizza l’obfuscator open source Obfuscar, progettato per proteggere il codice in un assembly .NET. 

Per evitare il rilevamento, una volta lanciato, il ransomware nasconde la sua finestra utilizzando la funzione ShowWindow, assegnandogli il parametro “0”.

“Il malware utilizza anche diverse tecniche di antivirtualizzazione che aiutano a evitare l’analisi dinamica quando viene eseguito in una macchina virtuale

Advertisements

scrivono i ricercatori.

Secondo gli esperti, il malware può interrompere il proprio lavoro se rileva che il sistema è in esecuzione in un ambiente virtuale. 

HavanaCrypt controlla la macchina virtuale in 4 passaggi:

  • controlla i servizi nella macchina virtuale (VMware Tools e vmmouse);
  • ricerca i file associati alle applicazioni VM;
  • cerca i nomi di file usati dalle macchine virtuali per i loro file eseguibili;
  • cerca l’indirizzo MAC del sistema e lo confronta con i prefissi Organizationally Unique Identifier (OUI) utilizzati dalla macchina virtuale.

Dopo aver verificato che il sistema della vittima non sia in esecuzione sulla macchina virtuale, HavanaCrypt scarica il file dall’indirizzo IP del servizio di web hosting Microsoft, lo salva come file batch e lo esegue. 

Advertisements

Secondo Trend Micro, l’uso del server C2, che fa parte del servizio di web hosting Microsoft, è un nuovo metodo di attacco.

Il malware interrompe oltre 80 processi, incluse applicazioni di database come Microsoft SQL Server e MySQL, nonché programmi desktop come Office e Steam. Quindi elimina le copie shadow dei file.

HavanaCrypt posiziona le sue copie eseguibili nelle cartelle “ProgramData” e “StartUp”, le rende file di sistema nascosti e disabilita il task manager. Il malware utilizza anche la funzione QueueUserWorkItem di .NET per raggruppare le minacce contro altri payload e flussi di crittografia.

HavanaCrypt raccoglie le seguenti informazioni di sistema:

Advertisements
  • il numero di core del processore;
  • ID e nome del chip;
  • produttore e nome della scheda madre;
  • codice prodotto e versione BIOS.

I dati vengono inviati al server C2 dell’attaccante, che è l’indirizzo IP del servizio di web hosting Microsoft. 

Ciò evita il rilevamento. Per generare chiavi casuali, HavanaCrypt utilizza la funzione CryptoRandom nel gestore di password KeePass Password Safe, aggiungendo l’estensione “.Havana” ai file crittografati. 

“HavanaCrypt crittografa anche il file di testo “foo.txt” e non lascia una richiesta di riscatto. Ciò potrebbe indicare che HavanaCrypt è ancora in fase di sviluppo

hanno concluso i ricercatori.