Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
Campagna di Phishing ai danni del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  TelegraMalware : Scoperti Oltre 1000 Bot per Intercettare Codici SMS e Notifiche  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Gli EDR/AV vanno Offline con Killer Ultra! Il malware degli operatori ransomware di Qilin  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Esce Dark Mirror. Il Primo Report di Dark Lab sul Fenomeno Ransomware relativo ad H1 2024  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Massiccia Violazione dei Dati Disney: 1,1 TiB di Informazioni Compromesse  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Hai bisogno di una identità falsa? I Truffatori Professionisti usano Fotodropy Store!  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Muri Digitali: Kaspersy Lab Chiude gli Uffici negli Stati Uniti D’America!  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  The Hackers Choice (THC): 30 anni di hacking senza voler diventare ricchi! L’intervista a VH e Skyper  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  La Psicologia dietro gli Attacchi Informatici! il ruolo fondamentale delle emozioni dalle quali difenderci  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Rockstar Games possibile vittima di un Enorme Data Leak!  ///  
Crowdstrike

Arriva DarkBit: violato l’Israel Institute of Technology, punito il regime di apartheid

Redazione RHC : 13 Febbraio 2023 08:35

Un nuovo gruppo di criminali informatici dal nome di Darkbit, ha colpito domenica l’Israel Institute of Technology.

L’inedita banda è nata recentemente anche se non si sa ancora da dove operi. Gli aggressori, tuttavia, lasciano alcuni suggerimenti sui loro obiettivi sia nella richiesta di riscatto, sia nei loro canali Twitter e Telegram.

Gli hacker hanno chiesto a Technion di pagare 80 bitcoin, o circa 1.750.000 dollari nella loro nota di riscatto. inoltre il gruppo di hacker ha minacciato di aumentare la somma richiesta del 30% qualora le loro richieste non saranno soddisfatte entro 48 ore, e dopo cinque giorni metterà in vendita sul web tutti i dati.

Sito Onion della cybergang DarkBit

E’ stato chiesto a tutto il personale e agli studenti di disconnettere i loro personal computer dalla rete locale e ridurre al minimo il traffico di posta elettronica fino ad un nuovo avviso.

La e-mail seguita all’attacco da parte dei criminali informatici è disseminata di retorica anti-israeliana, che suggerisce che l’attacco sia stato motivato da ragioni ideologiche e non dall’avidità.

הודעת הכופר ששלחו התוקפים
Nota di riscatto inviata dopo l’attacco (Foto: YnetNews )
Abbiamo violato Technion, il nucleo tecnologico di un regime di apartheid.

Dovrebbero pagare per le loro bugie e crimini, i loro nomi e le loro vergogne.
 
Dovrebbero pagare per l'occupazione, i crimini di guerra contro l'umanità, l'uccisione delle persone (non solo i corpi dei palestinesi, ma anche le anime degli israeliani) e la distruzione del futuro e di tutti i sogni che avevamo. 

Dovrebbero pagare per licenziare esperti altamente qualificati.

Dì addio alla tua sicurezza se sostieni o hai qualsiasi tipo di collaborazione o partnership con Israele, o ne paghi il caro prezzo.

Gli esperti di sicurezza informatica raccomandano di non pagare il riscatto per due motivi: in primo luogo, non vi è alcuna garanzia che gli aggressori mantengano la parola data e restituiscano le informazioni rubate, e in secondo luogo, il pagamento del riscatto incoraggia gli hacker a continuare a prendere di mira altre società e organizzazioni.

Post di DarkBit sul suo canale Telegram

Alex Steinberg, product manager presso la società di sicurezza informatica ESET, ha spiegato che “la motivazione a rubare informazioni dall’istituto potrebbe derivare da una serie di ragioni. In primo luogo, paesi come Iran, Cina e Russia potrebbero trarre grandi vantaggi dalle informazioni. Inoltre, potrebbero voler rubare le informazioni per venderle a scopo di lucro.”

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.