L'Ungheria ammette di aver utilizzato lo spyware Pegasus


Il governo ungherese ha riconosciuto l'acquisto e l'uso dello spyware commerciale Pegasus dalla società israeliana NSO Group.



Il capo della Commissione parlamentare per la difesa, Lajos Kósa, ha detto ai giornalisti che l'Ungheria ha ottenuto l'accesso al famigerato spyware, ma è stato utilizzato solo con il permesso di un giudice o del Ministero della Giustizia. Pertanto, l'Ungheria è il primo paese europeo che esce allo scoperto, che è stato cliente del Gruppo NSO.


La commissione parlamentare, le cui trascrizioni sono sigillate e classificate fino al 2050 (che questa settimana ha scioccato i giornalisti ungheresi), è stata costituita dopo che un'indagine giornalistica globale ha rivelato che il governo ungherese aveva usato Pegasus per spiare giornalisti locali, critici del governo e l'opposizione.



Come ha dimostrato l'indagine, più di 300 persone sono state vittime di spyware in Ungheria. La notizia ha suscitato numerose richieste per un'indagine ufficiale sulle azioni del governo e persino proteste di piazza a Budapest. A sua volta, il governo ha rifiutato di confermare ufficialmente qualsiasi risultato dell'indagine, promettendo di esaminare la questione.


Tuttavia, a poche ore dalle dichiarazioni inaspettate rese da Koschy dopo la riunione della commissione parlamentare, che doveva essere segreta, il ministero dell'Interno ungherese ha cercato di ritrattare e prendere le distanze dalle affermazioni del legislatore.



"Il ministero dell'Interno non ha mai commentato o discusso dichiarazioni rilasciate dai membri del parlamento dopo le riunioni dei comitati"

ha detto al quotidiano locale Telex, il servizio stampa del ministero. inoltre il servizio stampa ha anche osservato che il governo ungherese non è impegnato nella sorveglianza illegale dei cittadini.