Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione.
Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed 
incentiva gli altri a fare meglio di te.

Cerca

La Botnet Ebury ha infettato 400.000 server Linux in 15 anni

Redazione RHC : 15 Maggio 2024 12:31

Secondo un recente rapporto di ESET, la botnet Ebury ha infettato quasi 400.000 server Linux dal 2009. Alla fine del 2023 erano ancora a rischio circa 100.000 server.

I ricercatori ESET monitorano le attività di Ebury da oltre un decennio. Hanno registrato aggiornamenti malware significativi nel 2014 e nel 2017. Una recente operazione delle forze dell’ordine olandesi ha fornito nuovi dati sulle attività di una botnet di lunga durata.

“Sebbene 400.000 sia un numero enorme, è importante capire che questo è il numero totale di infezioni in quasi 15 anni. Non tutte le macchine sono state infettate contemporaneamente”, spiega ESET. “Nuovi server spuntano costantemente e vengono infettati mentre altri vengono ripuliti o messi fuori servizio.”

Gli ultimi attacchi di Ebury mirano a hackerare i fornitori di hosting e ad effettuare attacchi alla catena di fornitura che colpiscono i clienti che noleggiano server virtuali. La compromissione iniziale avviene tramite attacchi che utilizzano credenziali rubate e, una volta compromesso, il malware ruba gli elenchi di connessioni SSH e le chiavi di autenticazione per ottenere l’accesso ad altri sistemi.

“Se il fileknown_hosts contiene informazioni sottoposte ad hashing, gli aggressori proveranno ad hackerarne il contenuto”, avvertono gli esperti di ESET. “Dei 4,8 milioni di record raccolti dagli operatori Ebury, circa due milioni avevano nomi host sottoposti ad hashing. Il 40% di essi è stato violato”.

Gli aggressori possono anche sfruttare vulnerabilità note nel software server per aumentare i propri privilegi. Inoltre, l’infrastruttura dei provider di hosting viene effettivamente utilizzata dagli aggressori per distribuire Ebury su conteiner o ambienti virtuali. Nella fase successiva, gli operatori di malware intercettano il traffico SSH sui server di destinazione utilizzando lo spoofing ARP. Quando un utente accede a un server infetto tramite SSH, Ebury registra le sue credenziali.

Se i server contengono portafogli di criptovaluta, Ebury utilizza le credenziali rubate per svuotare automaticamente tali portafogli. Nel 2023 sono stati attaccati in questo modo almeno 200 server, compresi i nodi Bitcoin ed Ethereum. Inoltre, gli aggressori riescono a utilizzare strategie di monetizzazione nella loro botnet, tra cui il furto dei dati delle carte di credito, il reindirizzamento del traffico web per generare entrate dalla pubblicità e dai programmi di affiliazione, l’invio di spam e la vendita di credenziali rubate.

Alla fine del 2023, ESET ha scoperto nuove tecniche di offuscamento e un sistema di generazione di domini che consentono alla botnet di eludere il rilevamento e migliorare la resistenza al blocco. Inoltre, recenti osservazioni hanno dimostrato l’utilizzo dei seguenti moduli dannosi nelle attività della botnet Ebury:

  • HelimodProxy: server proxy per l’invio di spam;
  • HelimodRedirect: reindirizzare il traffico HTTP ai siti degli aggressori;
  • HelimodSteal: rubare dati dalle richieste HTTP POST;
  • KernelRedirect: modifica del traffico HTTP a livello del kernel;
  • FrizzySteal: intercettare e rubare dati dalle richieste HTTP.

L’indagine di ESET è stata condotta in collaborazione con l’Unità nazionale olandese per la criminalità informatica (NHTCU), che ha sequestrato un server di backup utilizzato dai criminali informatici.

Le autorità olandesi affermano che gli operatori di Ebury utilizzano identità false o rubate, a volte fingendosi altri criminali informatici per confondere gli investigatori. L’indagine è in corso, ma non è stata ancora presentata alcuna accusa specifica.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.