Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca

Pausa Caffè o Attacco DDoS? Le Botnet di bollitori e Macchinette del Caffè intelligenti sono oggi una realtà!

Redazione RHC : 4 Dicembre 2023 15:52

I ricercatori di sicurezza hanno scoperto una nuova variante della botnet P2PInfect. Secondo il laboratorio Cado Security, questa versione della botnet è progettata specificamente per l’ architettura MIPS. Questo conferisce la capacità di attaccare router e dispositivi Internet of Things (IoT), come bollitori intelligenti, macchinette del caffè, telecamere IP, ecc

Ciò espande notevolmente le capacità e l’ambito di influenza della botnet.

P2PInfect, basato sul linguaggio di programmazione Rust, è stato scoperto per la prima volta nel luglio di quest’anno. Attacca le istanze Redis non protette sfruttando una vulnerabilità critica del linguaggio Lua (CVE-2022-0543 , punteggio CVSS 10.0) per l’accesso iniziale.

Ulteriori analisi hanno mostrato un aumento significativo dell’attività di P2PInfect nel mese di settembre , che ha coinciso con il rilascio di nuove versioni del malware. Queste versioni, oltre a tentare di condurre attacchi di forza bruta su SSH su dispositivi con processori MIPS a 32 bit, includono tecniche di evasione. I tentativi di hackerare i server SSH sono stati effettuati utilizzando coppie comuni di login e password incorporate nel binario ELF.

Si presuppone che i server SSH e Redis siano i principali vettori di distribuzione per la nuova variante P2PInfect. Poiché è possibile eseguire un server Redis su MIPS utilizzando il pacchetto OpenWRT “redis-server”.

Uno dei metodi per eludere una nuova variante della botnet è l’autodistruzione e il tentativo di disabilitare i dump del kernel Linux. Questo avviene se il processo principale del malware viene rilevato o interrotto.

La variante MIPS include anche un modulo DLL Windows a 64 bit integrato per Redis, che consente l’esecuzione di comandi shell su un sistema compromesso. Cado Security afferma: “Si tratta di uno sviluppo interessante non solo nel senso che dimostra le maggiori capacità degli sviluppatori dietro P2PInfect, ma anche perché il campione MIPS32 include alcune notevoli tecniche di evasione della sicurezza.”

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.