Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Scopriamo la nuova tecnica chiamata BYOVD (Bring Your Own Vulnerable Driver)

Ultimamente, gli attacchi “Bring Your Own Vulnerable Driver” (BYOVD), stanno diventando un problema complesso per i proprietari dei sistemi operativi Windows.

Questo metodo consente a un utente malintenzionato con privilegi di amministrazione di aggirare facilmente le protezioni del sistema e quindi del kernel. La base di questo attacco è che la maggior parte dei driver di Windows è progettata per interagire con un hardware specifico.

Advertisements

Ad esempio, se acquisti un auricolare da Logitech e lo colleghi al sistema, Windows potrebbe installare automaticamente un driver creato dalla Logitech. 

Tuttavia, ci sono molti driver a livello di kernel su Windows che non sono destinati alla comunicazione con dispositivi esterni. Alcuni vengono utilizzati per il debug delle chiamate di sistema di basso livello e negli ultimi anni molti giochi per PC hanno iniziato a installarli come software anti-cheat.

Advertisements

Windows non consente l’esecuzione di driver in modalità kernel non firmati per impostazione predefinita, a partire da Windows Vista a 64 bit, che ha notevolmente ridotto la quantità di malware che può accedere all’intero PC. 

Ciò ha portato alla crescente popolarità delle vulnerabilità “Bring Your Own Vulnerable Driver”, o BYOVD.

Tale metodo di infezione sfrutta i driver firmati esistenti invece di caricarne dei nuovi non firmati.

Come funzionano le chiamate di sistema con i driver su Windows
Come funzionano le chiamate di sistema con i driver su Windows

Quindi, invece di scrivere un exploit da zero, un criminale informatico installa semplicemente un driver di terze parti con vulnerabilità note. 

Advertisements

Quindi utilizza queste vulnerabilità per ottenere l’accesso istantaneo ad alcune delle aree più protette di Windows.

Infatti, molti driver legittimi contengono vulnerabilità che portano al danneggiamento della memoria o consentono agli hacker di iniettare il proprio codice dannoso direttamente nel kernel. Anche dopo aver corretto i difetti, i vecchi driver con bug saranno ancora disponibili per gli attacchi BYOVD perché sono già firmati.

Microsoft è a conoscenza della minaccia BYOVD e sta lavorando per adeguare il sistema operativo. Per fermare questo genere di attacco, l’azienda crea meccanismi di blocco che impediscono a Windows di caricare driver firmati e vulnerabili.

In precedenza si è appreso che il gruppo BlackByte ha utilizzato la tecnica BYOVD per sfruttare una vulnerabilità nel driver MSI Afterburner RTCore64.sys , che consente agli hacker di aumentare i privilegi ed eseguire codice arbitrario.

Advertisements

Le mitigazioni software di Microsoft per i famigerati difetti di sicurezza Meltdown e Spectre del 2018 prevengono anche alcuni attacchi BYOVD e altri recenti miglioramenti nei processori x86 di Intel e AMD colmano alcune lacune.

Tuttavia, non tutti hanno i computer più recenti o le ultime versioni completamente patchate di Windows, quindi il malware che utilizza BYOVD è ancora un problema. Gli attacchi sono anche incredibilmente complicati, quindi è difficile mitigarli completamente con l’attuale modello di driver in Windows.