Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Tutte le reti mobili sono vulnerabili ad un attacco DoS e MitM verso gli smartphone.

Specialisti della New York University Abu Dhabi (NYUAD) hanno riportato la presenza di vulnerabilità nel meccanismo di trasferimento alla base delle moderne reti cellulari. Le vulnerabilità possono essere sfruttate dagli aggressori per lanciare attacchi denial-of-service (DoS) e man-in-the-middle (MitM) utilizzando hardware poco costoso.

“Le vulnerabilità non si limitano a un solo caso ma coinvolgono una varietà di scenari di trasferimento basati su rapporti di misurazione non verificati e soglie di potenza del segnale. Il problema riguarda tutte le generazioni partendo dal 2G (GSM) ed è ancora irrisolto”

hanno affermato i ricercatori Evangelos Bitsikas e Christina Pöpper.

L’handover, noto anche come handoff, è il meccanismo fondamentale alla base delle moderne reti cellulari. Nelle comunicazioni cellulari, questo è il processo di consegna di un abbonato durante una chiamata o una sessione di trasferimento dati da una stazione base a un’altra.

L’handover svolge un ruolo fondamentale nello stabilire la connettività cellulare, soprattutto quando l’utente è in movimento.

Advertisements

Il processo è il seguente: il dispositivo dell’utente invia i dati sulla potenza del segnale alla rete per determinare se è necessario un passaggio e, se necessario, facilita la commutazione quando viene trovata una stazione base più adatta.

Sebbene i rapporti sulla potenza del segnale siano crittografati, il loro contenuto non viene verificato, quindi un utente malintenzionato potrebbe forzare un dispositivo a connettersi a una stazione base sotto il suo controllo.

L’essenza dell’attacco risiede nel fatto che la stazione base originale non è in grado di elaborare valori non validi nel rapporto sulla potenza del segnale, il che aumenta la probabilità di un trasferimento dannoso.

“Se un utente malintenzionato manipola il contenuto del rapporto sulla potenza del segnale, la rete elaborerà i valori falsi. Ciò è possibile simulando una stazione base legittima e riproducendo i suoi messaggi trasmessi “

hanno affermato i ricercatori.

Advertisements

Prima di effettuare un attacco, l’attaccante conduce una prima fase di ricognizione. Utilizzando uno smartphone, raccoglie i dati relativi alle stazioni base legittime vicine e quindi utilizza queste informazioni per configurare una fake base station ed impersonare (clonare) la cella reale.

L’aggressore costringe quindi il dispositivo della vittima a connettersi alla fake base-station trasmettendo i blocchi di informazioni di servizio (MIB e SIB) necessari per aiutare il telefono a connettersi alla rete, con una potenza del segnale superiore rispetto alla falsa stazione base.

Forzando il dispositivo di un utente a connettersi a una stazione falsa e a segnalare misurazioni fasulle della potenza del segnale alla rete, l’attaccante avvia un passaggio di consegne e sfrutta le vulnerabilità nel processo per causare un denial of service (DoS), un attacco MitM e la divulgazione di informazioni, che interessa sia l’utente che l’operatore di telecomunicazioni. Ciò pregiudica non solo la privacy degli utenti, ma anche la disponibilità dei servizi.

“Quando il dispositivo di un utente si trova nel raggio di un aggressore e il segnale della falsa stazione è abbastanza forte da attirare il dispositivo dell’utente e attivare la segnalazione di cambiamento nella potenza del segnale, l’attaccante ha un’alta probabilità di costringere il dispositivo della vittima a connettersi alla sua falsa stazione radio manipolando le informazioni”

hanno affermato i ricercatori.

Advertisements

In totale, gli esperti hanno identificato sei punti deboli:

  • Messaggi broadcast non sicuri (MIB, SIB);
  • Rapporti non verificati di misurazioni dell’intensità del segnale;
  • Nessuna convalida incrociata in fase di preparazione;
  • Iniziazione del canale di accesso casuale (RACH) senza verifica;
  • Mancanza di un meccanismo di recupero;
  • Difficoltà a distinguere le interruzioni di rete dagli attacchi.

Durante l’esperimento, i ricercatori hanno scoperto che tutti i dispositivi testati (OnePlus 6, Apple iPhone 5, Samsung S10 5G e Huawei Pro P40 5G) sono vulnerabili agli attacchi DoS e MitM.