Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
200 Milioni di Utenti X/Twitter scaricabili Online per 8 crediti  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  2 giorni senza riscaldamento per colpa del malware FrostyGoop. E’ successo a Leopoli in Ucraina a Gennaio  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Hacktivisti a Sostegno delle Rivolte in Bangladesh: Escalation di Violenza e Cyber Attacchi  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Copybara, il malware che prende di mira il banking italiano  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Microsoft rilascia un tool USB per risolvere il problema del BSOD di CrowdStrike su Windows 10 e 11  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  EvilVideo: L’Exploit Zero-Day Che Minaccia Telegram su Android  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Una Hot-fix malevola per CrowdStrike diffonde HijackLoader e RemCos  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Red Hot Cyber Completa con Successo il Secondo Corso di Darkweb & Cyber Threat Intelligence  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  L’interruzione di CrowdStrike ha colpito meno dell’1% dei dispositivi Windows. Attenzione Alle Frodi!  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Incidente CrowdStrike: Riflessioni sulla Security di oggi e di Domani. “Non importa se si viene spiati, importa da chi”  ///  
Crowdstrike

WordPress: un ricercatore pubblica un metodo per bypassare il CSP

Redazione RHC : 7 Giugno 2022 07:20

La tecnica di hacking, sviluppata dal ricercatore di sicurezza Paulos Yibelo, si basa sullo sfruttamento di una vulnerabilità che consente a un utente malintenzionato di eseguire azioni per conto di un altro utente. 

La tecnica utilizza anche JSONP (JSON Basic Format Complement) per chiamare la funzione. Cose del genere potrebbero consentire la compromissione di un account WordPress, ma solo se esiste un exploit di cross-site scripting (XSS), che il ricercatore non ha ancora.

Yibelo ha affermato di non aver provato a utilizzare questo trucco su siti reali, limitando l’uso dell’exploit a un sito di test.

“Per il test, dovrei aspettare un utente di WordPress, quindi installare il plug-in ed eseguire un’iniezione di HTML”.

ha spiegato il ricercatore.

Secondo Yibelo, ha informato WordPress di questo hack tre mesi fa. Ma senza ricevere risposta, il ricercatore ha deciso di pubblicare i risultati del suo lavoro in un blog tecnico .

L’utilizzo di questo metodo di attacco è possibile in due scenari:

  • Il sito Web non utilizza direttamente WordPress, ma ha un endpoint su di esso;
  • Il sito Web è ospitato su WordPress con un’intestazione CSP.

Le conseguenze di un simile attacco sono gravi. Se un utente malintenzionato può eseguire un’iniezione di HTML, quindi utilizzando la vulnerabilità trovata da Paulos, l’hacker sarà in grado di aggiornare l’iniezione di HTML a un vero e proprio XSS, che a sua volta può essere aggiornato a RCE (Remote COde Execution).

Il Daily Swig ha chiesto al team di sviluppo principale di WordPress di commentare lo studio, ma la società non ha ancora risposto.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.