Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
Gli EDR/AV vanno Offline con Killer Ultra! Il malware degli operatori ransomware di Qilin  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Esce Dark Mirror. Il Primo Report di Dark Lab sul Fenomeno Ransomware relativo ad H1 2024  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Massiccia Violazione dei Dati Disney: 1,1 TiB di Informazioni Compromesse  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Hai bisogno di una identità falsa? I Truffatori Professionisti usano Fotodropy Store!  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Muri Digitali: Kaspersy Lab Chiude gli Uffici negli Stati Uniti D’America!  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  The Hackers Choice (THC): 30 anni di hacking senza voler diventare ricchi! L’intervista a VH e Skyper  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  La Psicologia dietro gli Attacchi Informatici! il ruolo fondamentale delle emozioni dalle quali difenderci  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Rockstar Games possibile vittima di un Enorme Data Leak!  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Un Threat Actors pubblica 1 Milione di Record di Google nelle underground  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Parla Ransomcortex! RHC intervista la cyber-gang che colpisce gli Ospedali! “pagate il riscatto, non risparmieremo nemmeno la famiglia del CEO!”  ///  
Crowdstrike

Alla scoperta di mimikatz: l’arma a doppio taglio tra red-team e cybercrime

Alessandro Molinari : 5 Giugno 2023 08:25

Benjamin Delpy ha originariamente creato Mimikatz come proof of concept per dimostrare a Microsoft che i suoi protocolli di autenticazione erano vulnerabili a un attacco. Invece, ha inavvertitamente creato uno degli strumenti più utilizzati e scaricati dagli attori delle minacce degli ultimi 20 anni.

Definito da Wired.com “uno dei più potenti ruba-password del mondo”, qualsiasi professionista IT incaricato di proteggere le reti Windows deve prestare molta attenzione agli ultimi sviluppi di Mimikatz per capire come gli hacker manipoleranno lo strumento per infiltrarsi nelle reti.

Cos’è Mimikatz e come funziona?

Mimikatz si basa sulla manipolazione dei processi di autenticazione e delle informazioni di autenticazione immagazzinate nei sistemi operativi Windows.

Sfruttando le debolezze presenti nel sistema, Mimikatz è in grado di estrarre le password memorizzate in chiaro nella memoria di un computer, decriptare i file di backup delle password di Windows (chiamati “LSA Secrets”) e persino rubare le credenziali di autenticazione dagli hash delle password.

In pratica, Mimikatz permette agli attaccanti di ottenere l’accesso non autorizzato alle credenziali di un utente o di un’amministrazione di sistema.

Come viene utilizzato Mimikatz nella cibercriminalità?

Gli attaccanti utilizzano Mimikatz in varie fasi di un attacco informatico. Prima di tutto, possono sfruttare il tool per ottenere l’accesso a una macchina di destinazione compromessa e poi utilizzare le credenziali rubate per muoversi lateralmente nella rete, ottenendo l’accesso ad altri sistemi e aumentando il livello di controllo sulle risorse della vittima.

Inoltre, Mimikatz può essere utilizzato per eseguire attacchi di “pass-the-hash” o “pass-the-ticket”, in cui l’hash della password o il ticket di autenticazione vengono utilizzati direttamente per autenticarsi su altri sistemi senza la necessità di conoscere la password effettiva.

Impatto sulla sicurezza delle informazioni:

L’uso diffuso di Mimikatz nella cibercriminalità rappresenta una minaccia significativa per la sicurezza delle informazioni. Le credenziali rubate possono essere utilizzate per scopi malevoli come accesso non autorizzato, furto di dati sensibili, attacchi di ransomware e altro ancora. Inoltre, Mimikatz può eludere le soluzioni di sicurezza basate su firma, come gli antivirus tradizionali, rendendo difficile rilevare la presenza dell’attacco.

I moduli di Mimikatz

Mimikatz si compone di più moduli, adattati alle funzionalità principali o a diversi vettori di attacco. Alcuni dei moduli più diffusi o utilizzati includono :

  • Standard: Modulo principale dello strumento. Gestisce i comandi e le operazioni di base
  • Cryptography: Manipolazione delle funzioni CryptoAPI.  Fornisce l’impersonificazione dei token, il patching delle CryptoAPI legacy.
  • Kerberos : Creazione di “Golden Ticket” tramite l’API Kerberos di Microsoft.

fonte: https://gridinsoft.com/

  • Lsadump : Gestisce la manipolazione del database SAM (Security Account Managers).  Può essere utilizzato contro un sistema in funzione o “offline” contro copie hive di backup. I moduli consentono l’accesso alle password tramite LM Hash o NTLM.
  • Process: elenca i processi in esecuzione (può essere utile per i pivot).
  • Sekurlsa: Gestisce l’estrazione dei dati da LSASS (Local Security Authority Subsystem Service). Sono inclusi biglietti, codici pin, chiavi e password.

fonte: https://gridinsoft.com/

Utilizzo

Inizialmente Mimikatz dimostrava come sfruttare una singola vulnerabilità nel sistema di autenticazione di Windows. Ora espone diversi tipi di vulnerabilità; Mimikatz può eseguire tecniche di raccolta delle credenziali come:

Pass-the-hash: Windows memorizzava i dati delle password in un NTLM hash. Si poteva usare Mimikatz per passare l’esatta stringa di hash al computer di destinazione per accedere: non c’era nemmeno bisogno di decifrare la password: bastava solo utilizzare la stringa di hash così com’è. In sitemi recenti qiesto tipo di attacco é stato mitigato ma non dimentichiamo che molte isituzioni non hanno le risorse per adottare tali sistemi e/o modernizzarsi.


Pass-the-ticket: Le versioni più recenti di Windows memorizzano i dati delle password in un costrutto chiamato ticket. Mimikatz fornisce una funzionalità che consente a un utente di passare un ticket Kerberos a un altro computer e di accedere con il ticket di quell’utente. È molto simile al metodo pass-the-hash.


Overpass-the-hash (pass-the-key): Un’altra variante del metodo pass-the-hash, ma questa tecnica prevede il passaggio di una chiave univoca ottenuta da un controller di dominio per impersonare un utente.


Golden Ticket Kerberoast: È un attacco di tipo pass-the-ticket, ma si tratta di un ticket specifico per un account nascosto chiamato KRBTGT, che è l’account che cripta tutti gli altri biglietti. Un Golden Ticket fornisce credenziali di amministrazione del dominio senza scadenza a qualsiasi computer della rete.


Silver TIcket Kerberoast: Un altro pass-the-ticket, ma un silver ticket sfrutta una funzione di Windows che facilita l’utilizzo dei servizi in rete. Kerberos assegna a un utente un ticket TGS (ticket-granting server), che l’utente può utilizzare per autenticarsi agli account di servizio sulla rete. Microsoft non controlla sempre un TGS dopo che è stato emesso, quindi è facile eludere qualsiasi protezione.


Pass-the-cache: Finalmente un attacco che non sfrutta Windows! Un attacco pass-the-cache è generalmente uguale a un pass-the-ticket, ma in questo caso utilizza i dati di login salvati e crittografati su un sistema Mac/UNIX/Linux.

Quanto è diffuso Mimikatz oggi?

Molte minacce informatiche utilizzano Mimikatz o sfruttano le sue implementazioni per sottrarre credenziali o semplicemente per diffondersi attraverso i set di credenziali scoperti. Ad esempio Trickbot contiene una propria implementazione per il furto di credenziali e il movimento laterale.

Per avere un’idea di quanto sia diffuso l’uso di mimikatz negli attacchi del mondo reale, basta guardare quanto riporta il MITRE. Sebbene questo elenco non sia completo, dà una buona idea di quanti attaccanti sofisticati (alias gruppi APT) utilizzino questo strumento.

Questo elenco è un vero e proprio “Who’s Who” di spaventosi attori delle minacce coinvolti in attacchi mirati avanzati: Oilrig, APT28, Lazarus, Cobalt Group, Turla, Carbanak, FIN6 e APT21 solo per citarne alcuni

MITRE ATT&CK IOCs

Mimikatz {S0002}
Account Manipulation {T1098}
Credential Dumping {T1003}
Pass The Hash {T1075}
Pass The Ticket {T1097}
Private Keys {T1145}
Security Support Provider {T1101}
Cobalt Strike {S0154}

Tutti questi gruppi sviluppano il proprio modo di invocare/iniettare mimikatz in modo da garantire il successo dell’attacco ed eludere i controlli di sicurezza degli endpoint che potrebbero ostacolarlo. 

Il gruppo Cobalt, in particolare, è un ottimo punto di riferimento poiché il suo nome deriva dall’uso dello strumento Cobalt Strike. Cobalt Strike è uno strumento collaborativo di simulazione per i Red Team e avversari.

Come già menzionato, mimikatz è incluso come funzionalità di base. Ancora più preoccupante è la capacità di invocare mimikatz direttamente in memoria da qualsiasi processo adatto al contesto in cui viene iniettato il payload del beacon Cobalt Strike.

Ancora una volta, questo tipo di attacco “fileless” evita qualsiasi lettura/scrittura del disco, ma può anche aggirare molti prodotti moderni “next-gen” che non sono in grado di monitorare correttamente eventi/attività del sistema operativo molto specifici.  

Uso pratico

Vediamo ora come ottenere, per esempio , l’hash delle passwords di vari utenti del sistema violato ed eventualmente usare hashcat per craccare tale hash, si tratta di una POC quindi la password scelta ed il relativo processo é impersemplificato, notando anche la differenza tra un sistema datato, che quindi ci permette di compiere determinate azioni da un sistema piu attuale che quindi non ci lascerá fare cio che vogliamo cosi facilmente:

Vediamo che il sistema qui sotto é Win Server 2019

La prima cosa da fare é controllare i propri privilegi altrimenti mimikatz non funzionerá come dovrebbe, a destra abbiamo i privilegi di amministratore e quinidi continuiamo

Vediamo subito come impartendo però il comando lsadump::lsapatch /patch su un sistema recente Windows10 non avrá successo come sul sistema Windows Server 2019 (immagine seguente)

qui il dump degli hash avviene con successo:

Proviamo quindi a craccare la password dell utente Admin2 con hashcat:

…con successo.

Contromisure e protezione:

Per mitigare il rischio associato a Mimikatz e ad attacchi simili, è fondamentale adottare una serie di contromisure. Di seguito sono riportate alcune best practice da considerare:

  • Mantenere il sistema operativo e le applicazioni sempre aggiornate con gli ultimi patch di sicurezza per ridurre le vulnerabilità sfruttabili da Mimikatz.
  • Utilizzare autenticazione a due fattori (2FA) per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza e rendere più difficile per gli attaccanti l’accesso non autorizzato.
  • Utilizzare soluzioni di sicurezza avanzate, come soluzioni di monitoraggio della rete e del comportamento degli utenti, per rilevare e prevenire l’attività sospetta.
  • Limitare i privilegi degli account utente e degli account di servizio per ridurre l’impatto di un eventuale compromissione.
  • Educazione degli utenti: fornire formazione sulla sicurezza informatica per sensibilizzare gli utenti sulle minacce potenziali, ad esempio sull’importanza di utilizzare password robuste e di non condividere le proprie credenziali.

Conclusione

Il punto cruciale è che mimikatz è un elemento pressoché comune del set di strumenti dell’avversario moderno. Viene utilizzato a tutti i livelli di sofisticazione e contro l’intero spettro di tipi e categorie di obiettivi. Nonostante sia stato sviluppato più di 12 anni fa, il set di strumenti continua a funzionare e a migliorare e, allo stesso modo, mimikatz continua a sfidare le tecnologie di protezione degli endpoint obsolete e tradizionali. 

Ormai Mimikatz, un tempo uno strumento utile per gli amministratori di sistema, si è trasformato in un’arma temibile nelle mani dei criminali informatici. La sua capacità di rubare credenziali e di compromettere la sicurezza dei sistemi lo rende una minaccia significativa per individui e organizzazioni.

Tuttavia, adottando contromisure adeguate e migliorando la consapevolezza sulla sicurezza informatica, è possibile mitigare il rischio associato a Mimikatz e proteggere meglio le informazioni sensibili. La sicurezza informatica è una sfida in continua evoluzione, e solo adottando una strategia olistica di protezione si può sperare di rimanere un passo avanti agli attacchi dei criminali informatici.

Alessandro Molinari
Direttore di Crociera per 6 mesi all'anno, parla Italiano, Inglese, Tedesco, Francese, Spagnolo, Portoghese, Russo e sta attualmente studiando Giapponese. Detiene Comptia A+ , Network+ , Security+ Pentest+ e per ora sta studiando per CySa+ ed EJPT. Nel tempo libero fa sport e legge/ascolta libri dai 60 ai 120 minuti al giorno. Sostiene che con grandi poteri arrivino grandi responsabilitá, come quelle di educare chi ha difficoltà a navigare il mondo digitale ed eventualmente difenderlo/a dai “pirati” e dalle entità che danneggiano il pianeta e la libertà delle persone. Sostiene inoltre che il futuro naturale della vita biologica sia la fusione ed integrazione con il digitale, transizione che tra l'altro è già iniziata con il movimento del transumanesimo del quale é sostenitore.