Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione.
Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed 
incentiva gli altri a fare meglio di te.

Cerca

Nuovi metodi di Penetration Test: L’Adversary Emulation e l’importanza di un approccio non solo tecnologico alla sicurezza delle aziende

Sandro Sana : 2 Ottobre 2023 10:23

Nel mondo digitale in continua evoluzione, le minacce alla sicurezza informatica stanno diventando sempre più sofisticate e pervasive. Le aziende di ogni settore si trovano ad affrontare una crescente sfida nel proteggere i propri dati sensibili e le informazioni dei clienti.

In risposta a questa esigenza, i metodi di penetration test si sono sviluppati per andare oltre il tradizionale approccio basato sulla tecnologia, introducendo l’Adversary Emulation. Questa nuova metodologia si concentra sull’aspetto umano delle vulnerabilità e sull’importanza di un approccio olistico alla sicurezza aziendale.

Cos’è l’Adversary Emulation

L’Adversary Emulation è una metodologia avanzata di penetration test che simula gli attacchi di un avversario reale. A differenza dei tradizionali test di penetrazione, che si concentrano principalmente sulle vulnerabilità tecniche, l’Adversary Emulation tiene conto di una vasta gamma di aspetti, inclusi i processi aziendali, le politiche di sicurezza, il comportamento degli utenti e le minacce interne ed esterne.

L’obiettivo è quello di testare l’efficacia complessiva delle difese di un’azienda, identificando le vulnerabilità che potrebbero essere sfruttate dagli aggressori reali.

L’importanza di un approccio non solo tecnologico

Mentre la tecnologia svolge un ruolo cruciale nella sicurezza informatica, è fondamentale comprendere che le vulnerabilità non si limitano solo a problemi tecnici. Le minacce possono sfruttare le debolezze umane, come la mancanza di consapevolezza sulla sicurezza, l’ingegneria sociale e gli errori umani. Pertanto, è essenziale adottare un approccio olistico, che comprenda aspetti tecnologici, processi aziendali e formazione degli utenti.

L’Adversary Emulation consente alle aziende di valutare la propria sicurezza in un contesto realistico, simulando gli attacchi che potrebbero verificarsi nel mondo reale. Attraverso una serie di scenari di attacco, l’obiettivo è quello di identificare le debolezze esistenti e le aree di miglioramento. Questo approccio consente alle aziende di prendere decisioni informate sulla loro strategia di sicurezza, migliorando le difese in modo proattivo.

Benefici dell’Adversary Emulation

L’Adversary Emulation offre numerosi vantaggi rispetto ai tradizionali metodi di penetration test. Innanzitutto, fornisce una valutazione più completa delle difese aziendali, esaminando sia gli aspetti tecnici che quelli umani. In secondo luogo, consente alle aziende di identificare le potenziali vulnerabilità che potrebbero essere sfruttate dagli aggressori, consentendo loro di prendere misure preventive per mitigare i rischi. Inoltre, l’Adversary Emulation promuove una maggiore consapevolezza sulla sicurezza all’interno dell’organizzazione, educando gli utenti sui rischi e sulle buone pratiche di sicurezza.

Un approccio completo alla sicurezza deve includere anche aspetti non tecnologici.

Cultura della Sicurezza

Un elemento chiave di un approccio non tecnologico alla sicurezza è lo sviluppo di una forte cultura della sicurezza all’interno dell’organizzazione. Questo include la formazione regolare del personale su pratiche di sicurezza, il riconoscimento dell’importanza della sicurezza da parte della leadership aziendale, e l’incoraggiamento di comportamenti sicuri tra i dipendenti.

Risposta agli Incidenti

Un altro elemento importante è la capacità di rispondere efficacemente agli incidenti di sicurezza. Questo include avere piani di risposta agli incidenti ben sviluppati, processi per la comunicazione durante un incidente, e procedure per il recupero dopo un incidente.

Gestione del Rischio

Infine, un approccio non tecnologico alla sicurezza dovrebbe includere una robusta gestione del rischio. Questo include l’identificazione e la valutazione dei rischi per la sicurezza, la definizione di strategie per mitigare questi rischi, e il monitoraggio continuo dei rischi.

In conclusione, la sicurezza informatica è diventata una priorità assoluta per le aziende di ogni settore. Per affrontare le minacce in continua evoluzione, è necessario adottare un approccio non solo tecnologico, ma anche centrato sull’aspetto umano della sicurezza. L’Adversary Emulation rappresenta un nuovo metodo di penetration test che consente alle aziende di valutare in modo completo le proprie difese e di identificare le vulnerabilità, migliorando la sicurezza in modo proattivo. Investire in un approccio olistico alla sicurezza aziendale è fondamentale per proteggere i dati sensibili e mantenere la fiducia dei clienti.

Tuttavia, per mantenere una sicurezza efficace, le organizzazioni devono anche concentrarsi sugli aspetti non tecnologici della sicurezza, come la cultura della sicurezza, la risposta agli incidenti, e la gestione del rischio. Solo con un approccio completo, che combina metodi tecnici e non tecnici, le organizzazioni possono sperare di tenere il passo con la continua evoluzione delle minacce alla sicurezza informatica.

Sandro Sana
Mi occupo d'Information Technology dal 1990, negli anni ho lavorato con aziende di diverso tipo dalle PMI alle Enterprise e la PA. Dal 2003 m’interesso di comunicazione, PNL e Public Speaking. Dal 2014 mi sono specializzato in scouting e R&D di soluzioni in ambito Cybersecurity. CEH - EC-Council Certified Ethical Hacker, CIH EC-Council Certified Incident Handler, CISSP - Certified Information Systems Security Professional, relatore a SMAU 2017 e SMAU 2018, docente SMAU Academy & ITS, membro dell'Associazione Informatici Professionisti dal 2017 e Coordinatore per la regione Friuli-Venezia Giulia per AIP-ITCS. Membro CLUSIT e giornalista presso RedHot Cyber, Cybersecurity360 & Digital360. Consulente framework CIS, NIST e ENISA.