Russia: giro di vite alle Criptovalute. Si al Rublo digitale.


Dopo il divieto della Cina ed il successivo crollo del bitcoin, tutti iniziano a domandarsi, come anche emerso al Cyber Poligon 2021, se l'uso indiscriminato delle cripto valute possa arrecare un danno all'ecosistema economico o in qualche modo, incentivare il crimine informatico e quindi il fenomeno del ransomware.



Notizia di oggi, è che la Banca di Russia ha pubblicato una lettera informativa giovedì in cui raccomanda alle borse russe di non consentire la negoziazione di titoli di emittenti russi e stranieri, i cui pagamenti dipendono dai tassi di criptovaluta, dai prezzi delle attività finanziarie digitali straniere, dai cambiamenti nelle criptovalute e dagli indici di criptovalute, così come il costo dei derivati ​​crittografici e dei titoli dei fondi crittografici.


La lettera è indirizzata agli organizzatori del commercio; operatori del mercato mobiliare; società di gestione di fondi di investimento, fondi comuni di investimento e fondi pensione non statali.



Le criptovalute e gli asset digitali sono caratterizzati da una elevata volatilità, mancanza di trasparenza nei prezzi, bassa liquidità, rischi tecnologici, normativi e altri rischi specifici, osserva la Banca centrale.


L'acquisto di strumenti finanziari ad essi collegati comporta maggiori rischi di perdite per le persone che non hanno sufficiente esperienza e conoscenza. Le raccomandazioni della Banca di Russia sono una misura preventiva: mirano a prevenire l'offerta di tali strumenti a un investitore di massa, spiega il regolatore.


Le restrizioni non si applicano alle valute nazionali digitali se vengono immesse in circolazione. Inoltre, non si applicano alle attività finanziarie digitali emesse ai sensi del diritto russo nei sistemi informativi i cui operatori sono inclusi nel registro della Banca di Russia.


Ricordiamo che la Russia ad Aprile ha presentato il concetto di rublo digitale.


Lo sviluppo di una piattaforma prototipo per il rublo digitale dovrebbe essere completato a dicembre e i test inizieranno a gennaio 2022. Alla fine di giugno, la Banca di Russia ha formato il primo gruppo di istituti di credito che parteciperanno volontariamente a un progetto pilota per testare il rublo digitale, che comprende 12 banche.



Il rublo digitale non è una criptovaluta, figuriamoci un cryptoasset, è emesso dalla Banca Centrale ed è una nuova forma di moneta fiat (si intende uno strumento di pagamento non coperto da riserve di altri materiali, e quindi privo di valore intrinseco)