Epsilon Red: un nuovo malware probabilmente connesso alla cyber-gang REvil.


Secondo una ricerca recente, i criminali informatici dietro ad un nuovo ransomware PowerShell che sfrutta i difetti dei server Exchange senza patch, stanno per attaccare le reti aziendali.


I ricercatori di società di sicurezza Sophos hanno rilevato il nuovo ransomware, chiamato Epsilon Red, in una analisi su un attacco a una società con sede negli Stati Uniti nel settore dell'ospitalità, ha scritto il ricercatore di Sophos Andrew Brandt in un rapporto pubblicato online.



Il nome – coniato dagli stessi aggressori, che potrebbe essere lo stesso gruppo dietro il ransomware REvil – fa riferimento ad un oscuro personaggio nemico degli X-Men della Marvel. Il personaggio è un "'super soldato' presumibilmente di origine russa" armato di quattro tentacoli meccanici, che sembra rappresentare il modo in cui il ransomware diffonde i propri payload, ha scritto Brandt.


Mentre il malware stesso è un eseguibile Windows a 64 bit, programmato in Go, il suo sistema è un po' più sofisticato, basandosi su una serie di script PowerShell che "prepara le macchine attaccate per poi consegnare il payload infetto capace di avviare l'infezione da ransomware", ha scritto.


Il potenziale collegamento al gruppo REvil è arrivato nella richiesta di riscatto lasciata sui computer infetti, che "assomiglia alla nota lasciata dal ransomware REvil, ma aggiunge alcune piccole correzioni grammaticali" che lo rendono più leggibile per le persone dj madrelingua inglese, ha scritto Brandt.


La vittima dell'attacco, osservato da Sophos, ha finito per pagare un riscatto di 4,29 Bitcoin il 15 maggio, l'equivalente di circa 210.000 dollari in quel momento, secondo il rapporto.


Il punto di ingresso iniziale è stato un server Microsoft Exchange aziendale senza patch, da cui gli aggressori hanno utilizzato Strumenti di gestione Windows (WMI), per installare altro software all'interno della rete.



Non è del tutto chiaro se gli aggressori abbiano sfruttato il famigerato exploit ProxyLogon di Exchange che è stato un grave punto dolente per Microsoft all'inizio dell'anno. Tuttavia, il server senza patch utilizzato nell'attacco era effettivamente vulnerabile a questo exploit, ha osservato Brandt.


Durante l'attacco, gli attaccanti hanno lanciato una serie di script PowerShell, numerati da 1.ps1 a 12.ps1, oltre ad alcuni denominati con una sola lettera dell'alfabeto, per preparare le macchine al payload del ransomware finale. Gli script hanno anche consegnato e avviato il payload di Epsilon Red, ha scritto.


Gli script di PowerShell utilizzano una "forma rudimentale di offuscamento" che non ha ostacolato l'analisi dei ricercatori di Sophos, ma "potrebbe essere sufficiente per eludere il rilevamento di uno strumento anti-malware che esegue la scansione dei file sul disco, che è tutto ciò di cui gli aggressori hanno veramente bisogno", ha osservato Brandt.