Gli scienziati usano i dati di guida e le AI per rilevare la demenza senile.


La diagnosi di una condizione come la demenza, può essere difficile da diagnosticare anche nelle migliori circostanze.


Ma, a volte, se non viene diagnosticata o ignorata, può accadere qualcosa di terribile, in particolare se la persona è al volante di un'auto.


Per fortuna, gli scienziati stanno lavorando a modi per aiutare a diagnosticare la demenza prima e uno dei modi che vengono studiati è l'utilizzo dell'apprendimento automatico combinato con i dati di guida, secondo un recente rapporto pubblicato da New Atlas.



Lo studio prende i dati del veicolo, inclusa la durata del viaggio, il tempo di viaggio dal punto A al punto A e quante volte un guidatore frena bruscamente durante il viaggio e li inserisce in un algoritmo che aiuta a rilevare i segni di demenza o lieve deterioramento cognitivo. Le persone dietro lo studio affermano che l'algoritmo ha un tasso di accuratezza del 66%.


I dati per lo studio provengono da una ricerca a lungo termine chiamato LongROAD (Longitudinal Research on Older Drivers), che ha raccolto dati da 3.000 conducenti anziani per quattro anni.


Nel corso dello studio LongROAD, a 33 dei conducenti studiati è stato diagnosticato un MCI e 31 una demenza.



Fonte

https://www.cnet.com/roadshow/news/machine-learning-driving-data-seniors-dementia-detection/