Pearson multato di 1 milione di dollari per aver minimizzato l'incidente informatico.


La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha accusato oggi Pearson, una azienda britannica di editoria e servizi educativi, di cattiva gestione nel processo di divulgazione di una violazione dei dati del 2018 scoperta nel marzo 2019 dalla multinazionale Pearson



Pearson ha accettato di pagare una sanzione civile di 1 milione di dollari per saldare le accuse

"senza ammettere o negare i risultati" che ha cercato di nascondere e minimizzare la violazione dei dati del 2018 che ha portato al furto di "dati degli studenti e credenziali di accesso dell'amministratore di 13.000 scuole".

distretti e università" negli Stati Uniti.



Oltre a esfiltrare dati inclusi nomi, date di nascita e indirizzi e-mail degli studenti dopo aver sfruttato un difetto critico che interessava il software basato sul web AIMSweb1.0 utilizzato da Pearson per tenere traccia delle prestazioni accademiche degli studenti, gli hacker cinesi hanno anche rubato milioni di record di dati degli studenti e credenziali facilmente craccabili "codificate" utilizzando un algoritmo obsoleto.

"Come risulta, Pearson ha scelto di non rivelare questa violazione agli investitori fino a quando non è stata contattata dai media, e anche allora Pearson ha sottovalutato la natura e la portata dell'incidente sopravvalutando la protezione dei dati dell'azienda"

ha affermato Kristina Littman, capo del la Cyber ​​Unit della SEC Enforcement Division.



La società ha condiviso con la SEC l'incidente, solo nel luglio 2019. Tuttavia, non ha rivelato di aver subito una violazione dei dati un anno prima.

"Il 31 luglio 2019, circa due settimane dopo che Pearson ha inviato la notifica di violazione ai clienti interessati, in risposta a un'inchiesta da parte di un media nazionale, Pearson ha rilasciato una dichiarazione ai media preparata in precedenza che conteneva anche errori sulla natura della violazione e il numero di record violati e il tipo di dati coinvolti."