QR code: come vengono utilizzati dai criminali informatici.



Una ricerca su 4.157 consumatori in Cina, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti ha rilevato che il 57% degli intervistati ha aumentato il proprio utilizzo dei QR code da metà marzo 2020.


In tutto, tre quarti degli intervistati, il 77%, ha affermato di aver già scansionato un codice QR in precedenza, mentre il 43% ha scansionato un codice QR nell'ultima settimana.


Ma come al solito, dove l'utilizzo di una tecnologia aumenta, anche il crimine informatico aumenta il suo interesse.


"Nel sondaggio, il 31% degli intervistati ha affermato di aver scansionato un QR code che ha fatto qualcosa che non si aspettava o di essere stato portato a un sito Web sospetto", ha detto a Threatpost Chris Goettl, direttore senior della gestione dei prodotti e della sicurezza presso Ivanti, l'azienda che ha condotto il sondaggio.


"Si tratta di un leggero aumento rispetto a sei mesi fa, quando il 25% degli intervistati ha affermato di aver scansionato un codice QR che ha fatto qualcosa di diverso da quanto aspettato".


Goettl ha osservato che gli hacker sono noti per creare etichette adesive con dei codici QR dannosi e incollarli su codici QR legittimi, consentendo loro di intercettare o sedersi nel mezzo delle transazioni e acquisire informazioni di pagamento


"Questo è successo nei parcheggi e nei ristoranti all'aperto", ha detto.


Inoltre, i criminali informatici utilizzano comunemente i codici QR per attacchi di phishing e per inoculare malware.


Ha osservato che i codici QR dannosi possono indirizzare gli utenti a siti Web dall'aspetto legittimo progettati per rubare credenziali, dati di carte di credito, accessi aziendali e altro; o a siti che scaricano automaticamente software dannoso su dispositivi mobili.


Entrambi i tipi di attacco sono generalmente volti a compromettere account mobili, app aziendali e dati che potrebbero trovarsi sul dispositivo.


"Tuttavia, la forma più comune di QRLjacking è quando un codice QR legittimo progettato per facilitare i pagamenti senza contanti viene sostituito con un codice QR dannoso che espone le informazioni bancarie o finanziarie quando vengono scansionate", ha detto Goettl a Threatpost. "Quel codice QR dannoso potrebbe consentire ai criminali di trasferire denaro da conti bancari."


infatti, la Major Cybercrime Unit dell'Esercito Criminal Investigation Command ha recentemente emesso un avviso, avvertendo il pubblico della presenza di criminali informatici altamente motivati ​​che potrebbero utilizzare i codici QR per eseguire una serie di attacchi mobili. L'avviso ha rilevato che i codici QR dannosi possono:

  • Aggiungere contatti dannosi all'elenco dei contatti;

  • Connettere il ​​dispositivo a una rete dannosa;

  • Inviare messaggi di testo a uno o tutti i contatti nella rubrica di un utente;

  • Effettuare telefonate ad un numero telefonico premium che impone addebiti sull'account del telefono chiamante;

  • Inviare pagamenti.

I rischi sono aggravati dal fatto che il 49% degli intervistati nello studio di Ivanti non dispone di software di sicurezza mobile oltre che da una generale mancanza di consapevolezza.


Ad esempio, solo il 37% era consapevole del fatto che un codice QR può scaricare un'applicazione, mentre solo un quinto (22%) era consapevole che un codice QR può fornire la posizione fisica.