Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
200 Milioni di Utenti X/Twitter scaricabili Online per 8 crediti  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  2 giorni senza riscaldamento per colpa del malware FrostyGoop. E’ successo a Leopoli in Ucraina a Gennaio  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Hacktivisti a Sostegno delle Rivolte in Bangladesh: Escalation di Violenza e Cyber Attacchi  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Copybara, il malware che prende di mira il banking italiano  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Microsoft rilascia un tool USB per risolvere il problema del BSOD di CrowdStrike su Windows 10 e 11  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  EvilVideo: L’Exploit Zero-Day Che Minaccia Telegram su Android  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Una Hot-fix malevola per CrowdStrike diffonde HijackLoader e RemCos  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Red Hot Cyber Completa con Successo il Secondo Corso di Darkweb & Cyber Threat Intelligence  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  L’interruzione di CrowdStrike ha colpito meno dell’1% dei dispositivi Windows. Attenzione Alle Frodi!  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Incidente CrowdStrike: Riflessioni sulla Security di oggi e di Domani. “Non importa se si viene spiati, importa da chi”  ///  
Crowdstrike

Nuova Truffa Online: Falsi Bug in Chrome e Word Diffondono Malware

Redazione RHC : 20 Giugno 2024 08:12

I distributori di malware utilizzano falsi bug di Google Chrome, Word e OneDrive per indurre gli utenti a eseguire “patch“, che in realtà sono script di PowerShell che installano malware.

Gli esperti di ProofPoint riferiscono che la nuova tattica è già stata adottata da diversi gruppi di hacker. Questi attacchi vengono quindi utilizzati dagli aggressori dietro lo schema ClearFake, il nuovo cluster dannoso ClickFix, nonché il gruppo TA571, che di solito distribuisce spam e invia numerose email che portano all’infezione con malware e ransomware.

In precedenza, gli attacchi ClearFake iniettavano codice dannoso nei siti compromessi, dopo di che le risorse mostravano messaggi falsi sulla necessità di aggiornare il browser.

Nuovi attacchi sfruttano anche JavaScript in HTML sui siti compromessi, ma ora gli overlay mostrano agli utenti errori falsi di Google Chrome, Microsoft Word e OneDrive. Questi messaggi incoraggiano gli utenti a copiare la “correzione” negli appunti, quindi incollarla ed eseguirla manualmente.

“Sebbene un attacco riuscito richieda un’interazione significativa da parte dell’utente, l’ingegneria sociale è abbastanza sofisticata da presentare contemporaneamente all’utente un problema e una soluzione, che può motivarlo ad agire senza valutare i rischi”, avvertono.

I payload osservati da Proofpoint in questa campagna includono: DarkGate, Matanbuchus, NetSupport, Amadey Loader, XMRig, malware che dirotta gli appunti attraverso l’infostealer Lumma.

Gli analisti hanno subito individuato tre catene di attacchi, che si differenziano soprattutto nelle fasi iniziali. Solo uno di essi non è associabile con certezza al gruppo TA571 sopra menzionato.

Quindi, nel primo caso, che è associato agli aggressori dietro gli attacchi ClearFake, gli utenti si recano su un sito compromesso che scarica uno script dannoso ospitato sulla blockchain tramite Binance Smart Chain.

Questo script esegue diversi controlli e visualizza una notifica falsa, presumibilmente proveniente da Google Chrome, che indica un problema con la visualizzazione della pagina web. La finestra di dialogo richiede quindi di installare il “certificato root” copiando lo script PowerShell negli appunti ed eseguendolo in Windows PowerShell.

Una volta eseguito, lo script esegue vari controlli per garantire che il dispositivo sia un bersaglio adatto, quindi scarica un payload aggiuntivo, come mostrato nel diagramma seguente.

La seconda catena di attacchi è associata alla campagna ClickFix e utilizza iniezioni su siti compromessi che creano iframe per sovrapporre errori falsi. In questo caso, agli utenti viene richiesto di aprire “Windows PowerShell (Admin)” e incollare il codice fornito, che ha lo stesso effetto.

La terza catena di attacchi coinvolge la posta elettronica e l’uso di allegati HTML che assomigliano a documenti di Microsoft Word. Qui agli utenti viene chiesto di installare l’estensione Word Online per visualizzare correttamente il documento.

In questo caso, il falso messaggio di errore contiene le opzioni “Come risolvere” e “Correzione automatica”. Inoltre, selezionando l’opzione “Come risolvere” copia il comando PowerShell codificato base64 negli appunti e indica all’utente di incollarlo in PowerShell.

L’opzione di correzione automatica, a sua volta, utilizza il protocollo search-ms per visualizzare un file fix.msi o fix.vbs ospitato sulla condivisione file remota di un hacker utilizzando WebDAV. Cioè, i comandi PowerShell vengono scaricati ed eseguiti tramite un file MSI o tramite uno script VBS, il che porta all’infezione con i malware Matanbuchus e DarkGate.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.