Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Apple ignora l’aiuto della community hacker e fa male solo a se stessa.

Il ricercatore, noto con il soprannome Illusion of Chaos, ha pubblicato descrizioni dettagliate ed exploit per tre vulnerabilità 0-day in iOS.

Advertisements

Spiega di aver informato Apple di questi problemi all’inizio dell’anno, ma la società non ha rilasciato alcuna patch.

“Apple è stata informata di tutte le vulnerabilità descritte nell’articolo tra il 10 marzo e il 4 maggio e le risposte di accettazione di Apple sono state ricevute il giorno successivo a ciascuna notifica. In conformità con la politica di divulgazione responsabile, Google Project Zero rivela le vulnerabilità 90 giorni dopo la notifica al fornitore, ZDI – 120 giorni, indipendentemente dal fatto che la vulnerabilità sia stata corretta o meno. Ho aspettato molto più a lungo (fino a sei mesi) e 10 giorni fa ho avvertito Apple che presto sarei stato costretto a divulgare pubblicamente queste vulnerabilità. Non c’è stata risposta, quindi ho deciso di scrivere questo articolo “

afferma lo specialista.

Illusion of Chaos ha parlato di vulnerabilità ancora pericolose anche per iOS 15 e nello specifico si tratta di:

Advertisements
  • Un bug nel demone Gamed, che dà accesso ai dati dell’utente e al file system, inclusi account di posta elettronica AppleID, nomi, token di autenticazione. L’exploit PoC è stato pubblicato su GitHub .
  • Una vulnerabilità nel demone nehelper che può essere sfruttata dall’interno di un’applicazione per scoprire quali altre applicazioni sono installate sul dispositivo. L’exploit PoC è stato pubblicato su GitHub .
  • Un altro problema è nel demone nehelper, che può essere utilizzato anche dall’applicazione per accedere alle informazioni sulla rete Wi-Fi del dispositivo. L’exploit PoC è stato pubblicato su GitHub .

Il ricercatore ha anche pubblicato un exploit per la quarta vulnerabilità che colpisce il demone iOS Analyticsd.

Questo è l’unico bug che gli sviluppatori Apple hanno corretto dalla notifica del problema ad aprile. La patch è stata inclusa in iOS 14.7 a luglio di quest’anno.

“Sono sicuro che la maggior parte degli utenti non sa nemmeno quante informazioni Apple raccoglie su di loro con il pretesto delle analisi. Inoltre, non si sa per quale scopo queste informazioni vengono utilizzate e a chi vengono trasmesse. A questo proposito, la loro posizione secondo cui hanno a cuore la privacy degli utenti sembra particolarmente ipocrita. Non sono la prima persona che è rimasta delusa dal programma Apple Security Bounty e spero che la mia esperienza influenzerà la decisione dei cacciatori di bug di non collaborare con loro “

riassume Illusion of Chaos.

Vale la pena notare che all’inizio di questa settimana, un altro specialista della sicurezza delle informazioni ha rivelato i dettagli su come aggirare la schermata di blocco in iOS e ha anche scritto che questa è una sorta di vendetta da parte di Apple per il fatto che all’inizio del 2021 la società ha minimizzato il significato di problemi simili di aggirare la schermata di blocco, di cui ha riferito.

Advertisements

Sempre all’inizio di questo mese, il Washington Post ha dedicato un lungo articolo a questo problema e ne avevamo parlato anche su RHC, del fenomeno in cui molti specialisti di sicurezza informatica hanno parlato degli stessi problemi e hanno sostenuto che l’azienda ha lasciato incustoditi i loro rapporti sui bug per mesi, rilasciato patch inefficaci, sottovalutato le dimensioni dei premi e vietato ricercatori dalla partecipazione al bug.