Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione.
Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed 
incentiva gli altri a fare meglio di te.

Cerca
Crowdstrike

Cos’è l’Ethical Hacking: Un’introduzione all’affascinante mondo degli hacker etici

Redazione RHC : 20 Novembre 2023 08:04

L’Ethical Hacking, è una disciplina avvincente e allo stesso tempo enigmatica. E’ un campo in cui etica e tecnologia si fondono per difendere il mondo digitale. Se sei già incuriosito da questo misterioso mondo, o semplicemente ti stai chiedendo cosa significhi “Ethical Hacking,” sei nel posto giusto.

In questo articolo, ti guideremo attraverso un viaggio nel cuore della sicurezza informatica, esplorando le fondamenta, le figure chiave, il concetto di etica, gli strumenti, le tecniche utilizzate.

Scoprirai come questi moderni esperti di sicurezza informatica lavorano per proteggere le nostre informazioni digitali e perché sono diventati eroi digitali indispensabili nell’era della tecnologia. Pronto a svelare i segreti di questo affascinante mondo?

Le Fondamenta dell’Ethical Hacking

Nel mondo dell’Ethical Hacking, tutto inizia dalle sue fondamenta, e la prima cosa da comprendere è cosa sia un hacker e il concetto di capacità. L’hacking, come ogni capacità, può essere usata in modo positivo o negativo. Un hacker è un individuo che possiede una profonda comprensione dei sistemi, delle reti e della tecnologia, e può utilizzare queste conoscenze per influire sulle informazioni custodite all’interno dei sistemi digitali. La chiave per capire l’Ethical Hacking è riconoscere che gli Ethical Hackers operano nel versante positivo utilizzando questa loro “capacità”, lavorando al fine di proteggere le infrastrutture ICT piuttosto che compromettere la sicurezza informatica.

La storia dell’Ethical Hacking è affascinante, risalendo alle radici della cultura hacker. Questa cultura ha avuto origine al MIT, il celebre Massachusetts Institute of Technology, all’interno del “Tech Model Railroad Club.” Qui, negli anni ’50 e ’60, i primi hacker hanno iniziato a esplorare sistemi tecnologici, a cercare nuovi modi per farli funzionare in modo più efficiente, e a superare le barriere imposte dalle stesse tecnologie. Questo spirito pionieristico ha dato vita a quella che oggi conosciamo come la community hacker, che ha contribuito a plasmare il mondo dell’informatica e oltre.

L’hacking etico prende vita negli edifici del Massachusetts Institute of Technology. In questa foto uno studente sta lavorando al grande plastico dei trenini che veniva guidato da un PDP-1. Un computer della DEC (Digital Equipment corporation), donato al MIT per far appassionare i ragazzi all’informatica.

E sebbene l’immaginario comune associ il termine “hacker” principalmente all’informatica, l’hacking è una mentalità che si estende ben oltre questa disciplina. Gli hacker, nel senso più ampio del termine, vedono il mondo come un luogo di sfide da affrontare e superare.

L’hacking può essere applicato in qualsiasi disciplina in cui si vogliano superare i limiti imposti dalle convenzioni, con estro, ingegno, e intelletto. La mentalità hacker incoraggia il pensiero laterale, la capacità di vedere soluzioni creative ai problemi e di sfidare lo status quo in modo costruttivo. In breve, l’Ethical Hacking è la pratica di applicare questa mentalità all’ambito della sicurezza informatica, lavorando per proteggere sistemi e dati da minacce potenzialmente dannose.

Il Profilo dell’Ethical Hacker

L’immagine popolare dell’hacker è spesso quella di un individuo con un aspetto poco convenzionale: magari in sovrappeso, con una felpa e un cappuccio calato sulla testa, intento a digitare freneticamente su un computer in una stanza buia e misteriosa. Tuttavia, la realtà dell’Ethical Hacking è molto diversa da questa rappresentazione stereotipata. Gli Ethical Hackers sono professionisti altamente qualificati, spesso degli ingegneri informatici, la cui attività richiede una vasta gamma di abilità e competenze.

Gli Ethical Hackers sono, innanzitutto, persone estremamente curiose e creative. Posseggono una mentalità aperta e un pensiero laterale che consente loro di vedere le situazioni da angolazioni diverse e trovare soluzioni innovative ai problemi. Ecco che spesso di parla appunto della convergenza tra hacking e innovazione.

Posseggono una vasta conoscenza delle reti, dei sistemi operativi, dei protocolli e dei linguaggi di programmazione. Queste competenze sono essenziali per comprendere a fondo i sistemi e le vulnerabilità che possono essere sfruttate da potenziali aggressori. Gli Ethical Hackers sono anche costantemente aggiornati sulle ultime tendenze in materia di sicurezza informatica e sviluppano competenze specifiche per affrontare le minacce emergenti.

Classico stereotipo dell’hacker. Felpa nera e cappuccio in test raffigurato in una foto con poca luce. Tutto diverso rispetto alla realtà. Gli hacker etici sono persone come tante generalmente laureate in discipline informatico che hanno solo una caratteristica: la capacità di spaziare con la loro mente e avere un pensiero divergente.

Obiettivi e Etica dell’Ethical Hacking

Gli Ethical Hackers non agiscono per scopi malevoli o personali. Al contrario, seguono una serie di obiettivi chiaramente definiti e un rigoroso codice etico. Questi obiettivi e principi etici sono ciò che li distingue dai cosiddetti “black hat hackers,” i criminali informatici che sfruttano le loro “capacità” e quindi le vulnerabilità presenti sui sistemi per scopi illegali.

Vediamo in dettaglio gli obiettivi e l’etica dell’Ethical Hacking.

Obiettivi dell’Ethical Hacking

  1. Identificare Vulnerabilità: Il principale obiettivo dell’Ethical Hacker è individuare e documentare le vulnerabilità nei sistemi informatici e nelle reti. Questo processo implica una valutazione completa dei sistemi per scoprire potenziali debolezze;
  2. Proteggere Dati Sensibili: Gli Ethical Hackers lavorano per garantire che i dati sensibili e le informazioni aziendali rimangano al sicuro da intrusioni e accessi non autorizzati. Questo è particolarmente importante per le aziende e le organizzazioni che gestiscono grandi quantità di dati;
  3. Prevenire Attacchi Futuri: Oltre a identificare le vulnerabilità attuali, gli Ethical Hackers mirano a prevenire futuri attacchi. Ciò implica la creazione di piani di sicurezza e il rafforzamento delle difese informatiche.

Etica dell’Ethical Hacking

  1. Legittimità: Gli Ethical Hackers operano solo con il consenso esplicito dei proprietari dei sistemi o delle reti che stanno testando. Non eseguono mai attacchi non autorizzati;
  2. Riservatezza: Gli Ethical Hackers trattano le informazioni sensibili scoperte durante le loro attività in modo confidenziale. Non divulgheranno mai tali informazioni a terzi senza l’autorizzazione del proprietario;
  3. Legalità: Gli Ethical Hackers rispettano rigorosamente le leggi e i regolamenti in vigore. Le loro azioni non devono violare leggi relative alla privacy, alla proprietà intellettuale o alla sicurezza informatica;
  4. Minimo Impatto: Gli Ethical Hackers cercano di ridurre al minimo l’impatto delle loro attività. Non cercano di danneggiare i sistemi o interrompere le operazioni aziendali.
  5. Report e Consulenza: Una volta identificate le vulnerabilità, gli Ethical Hackers forniscono rapporti dettagliati e raccomandazioni per migliorare la sicurezza informatica dell’azienda presso la quale hanno operato. Collaborano con i proprietari dei sistemi per risolvere i problemi individuati.

L’obiettivo dell’Ethical Hacking è quindi garantire un ambiente digitale più sicuro per tutti. Gli Ethical Hackers svolgono un ruolo fondamentale nel mantenere la sicurezza delle informazioni e delle infrastrutture digitali.

Gli hacker etici sono profondi conoscitori delle reti di telecomunicazioni. Tale conoscenza li porta a poter sfruttare vulnerabilità su differenti software/device e poter effettuare dei movimenti all’interno della rete per ottenere accesso a porzioni inaccessibili e quindi non autorizzate.

Strumenti e Tecniche dell’Ethical Hacking

L’ethical hacking, è una pratica fondamentale per garantire la sicurezza dei sistemi informatici e delle reti. Gli ethical hacker, noti anche come “white hat” (o hacker dal cappello bianco), lavorano per individuare e correggere le vulnerabilità nei sistemi informatici prima che i criminali informatici possano sfruttarle. Per svolgere il loro compito con successo, gli ethical hacker utilizzano una serie di strumenti e tecniche specializzate. In questo capitolo, esploreremo alcuni dei principali strumenti e tecniche dell’ethical hacking.

1. Scanners di Vulnerabilità:

  • Nmap: Nmap è uno dei scanner di vulnerabilità più diffusi utilizzati ed è in grado di mappare una rete, identificare i servizi in esecuzione su di essa e rilevare le vulnerabilità associate a tali servizi;
  • OpenVAS: Questo è uno scanner di vulnerabilità open-source che esegue una scansione completa alla ricerca di vulnerabilità note nei sistemi target;
  • Tenable Nessus: come il precedente è uno scanner di vulnerabilità a pagamento ampiamente utilizzato m

2. Framework di Penetration Testing:

  • Metasploit: Metasploit è uno dei framework di penetration testing più noti al mondo. Fornisce una vasta gamma di strumenti e risorse per testare la sicurezza dei sistemi, inclusi moduli di exploit pronti all’uso.

3. Sniffing e Analisi del Traffico:

  • Wireshark: Questo strumento consente di catturare e analizzare il traffico di rete in tempo reale. È ampiamente utilizzato per identificare problemi di rete e scoprire potenziali minacce.

4. Password Cracking:

  • HashCat: Questo strumento è utilizzato per craccare password. Può eseguire attacchi di forza bruta o attacchi basati su dizionari per scoprire password deboli o dimenticate.

5. Analisi Forense:

  • Autopsy: Questo strumento open-source è utilizzato per analizzare sistemi compromessi. Aiuta gli ethical hacker a recuperare dati e scoprire le cause di una violazione, anche se questa è più una attività del Security Operation Center (SOC).

6. Web Application Testing:

  • OWASP ZAP: Questo è uno strumento di testing delle applicazioni web sviluppato dall’Open Web Application Security Project (OWASP) per identificare vulnerabilità nelle applicazioni web.

7. Framework di Automazione:

  • Cobalt Strike: Questo framework offre un’ampia gamma di funzionalità, inclusa l’automazione dei test di penetrazione, la simulazione di attacchi e la generazione di report dettagliati.

8. Social Engineering:

  • Set (The Social-Engineer Toolkit): Questo strumento automatizza molte tecniche di social engineering, come l’invio di phishing via email, al fine di testare la consapevolezza della sicurezza degli utenti.

9. Analisi Statica e Dinamica delle Applicazioni:

  • Burp Suite: Questo strumento è ampiamente utilizzato per testare la sicurezza delle applicazioni web. Offre funzionalità per l’analisi statica e dinamica delle applicazioni, l’identificazione di vulnerabilità e la manipolazione del traffico HTTP.

10. Reverse Engineering:

  • GIDRA o IDA Pro: Questi sono strumenti avanzati di reverse engineering utilizzati per analizzare e comprendere il codice binario dei programmi, inclusi i malware.

Gli ethical hacker devono utilizzare questi strumenti con grande responsabilità, rispettando la legge e ottenendo il consenso appropriato prima di testare i sistemi e le reti. Inoltre, devono essere costantemente aggiornati sulle nuove minacce e vulnerabilità emergenti, al fine di proteggere le organizzazioni e i dati dai cyberattacchi. La formazione continua e l’etica professionale sono fondamentali per coloro che intraprendono questa professione cruciale nella difesa cibernetica.

I report di sicurezza sono fondamentali per le organizzazioni e gli hacker etici devono fornire tutti gli elementi per poter consentire al reparto IT di poter ripristinare la sicurezza all’interno delle infrastrutture testate. Risulta quindi importante elaborare report non solo altamente tecnici, ma cercare di creare consapevolezza con dei messaggi executive.

Fasi dell’Ethical Hacking

L’ethical hacking segue un processo ben definito, che include diverse fasi. Due delle fasi più importanti sono l’Information Gathering (Raccolta di informazioni) e la Responsible Disclosure of Vulnerabilities (Divulgazione Responsabile delle Vulnerabilità). Esploriamo entrambe le fasi in dettaglio.

Raccolta di informazioni

Questa è la fase iniziale di qualsiasi attività di ethical hacking. Durante questa fase, l’ethical hacker raccoglie informazioni dettagliate sul sistema, sulla rete o sull’applicazione che deve essere testata. L’obiettivo è ottenere una comprensione completa dell’ambiente target. Questa fase può includere:

  • Ricerca di informazioni pubbliche: L’hacker cerca informazioni disponibili pubblicamente sul bersaglio, come informazioni sui siti web, nomi dei dipendenti, indirizzi IP, nomi di dominio e altro. Queste informazioni possono essere raccolte da fonti come motori di ricerca, social media e siti web dell’azienda;
  • Scansione di porte e servizi: L’ethical hacker può utilizzare strumenti di scansione delle porte per identificare i servizi e le porte aperte su un sistema target. Questo aiuta a identificare possibili punti di ingresso;
  • Raccolta di informazioni DNS: Gli hacker raccolgono informazioni sul sistema DNS (Domain Name System) del bersaglio per ottenere dettagli sui nomi di dominio, record MX e altro;
  • Identificazione di versioni software e patch: Questa fase include la ricerca di versioni di software e patch installate sui sistemi target. Le versioni obsolete o non patchate possono rappresentare opportunità per gli attacchi;
  • Scansione dei servizi web: L’hacker esegue una scansione dei servizi web per identificare le applicazioni e le tecnologie utilizzate. Questo può rivelare vulnerabilità note associate a tali applicazioni.

Divulgazione Responsabile

Una volta identificate le vulnerabilità, l’ethical hacker, sia in un test autorizzato (ma anche in un test non autorizzato), ha il dovere di procedere con la divulgazione responsabile delle vulnerabilità alle parti interessate.

Questo è un passaggio critico nell’attività di ethical hacking e comporta diverse attività:

  • Notifica al proprietario del sistema: L’ethical hacker fornisce all’azienda o all’amministratore del sistema o all’amministratore del sito le vulnerabilità rilevate con un report specifico;
  • Fornitura di dettagli tecnici: L’hacker fornisce privatamente tutti i dettagli tecnici sulle vulnerabilità (report di full disclosure), consentendo al proprietario del sistema di comprendere appieno il problema e di avviare i passi correttivi necessari;
  • Tempo per risolvere: Il proprietario del sistema fornirà un piano di remediation riportando il tempo necessario per risolvere le vulnerabilità;
  • Assistenza nella correzione: L’ethical hacker può offrire supporto alla definizione del piano di rientro che permetta la correzione delle vulnerabilità rilevate.

La fase di divulgazione responsabile delle vulnerabilità è un aspetto chiave dell’ethical hacking e contribuisce a rendere il cyberspazio più sicuro per tutti. Consentendo ai proprietari dei sistemi di risolvere le vulnerabilità prima che vengano sfruttate da malintenzionati, gli ethical hacker svolgono un ruolo essenziale nella protezione dei dati e delle infrastrutture digitali.

Vulnerability Assessment e Penetration Test

I Vulnerability Assessment (VA) e i Penetration Testing (PT) sono due metodologie cruciali per valutare la sicurezza dei sistemi informatici, delle reti e delle applicazioni. Entrambi hanno l’obiettivo di identificare e risolvere le vulnerabilità, ma seguono approcci leggermente diversi. In questo capitolo, esamineremo la differenza tra i due approcci e come vengono utilizzati nel contesto dell’ethical hacking.

Vulnerability Assessment

I test di vulnerabilità sono la prima fase nell’identificazione delle falle di sicurezza. Questa attività coinvolge la scansione dei sistemi, delle reti o delle applicazioni per individuare potenziali punti deboli o vulnerabilità. Gli scopi principali del test di vulnerabilità includono:

  1. Identificazione delle Vulnerabilità di superfice: La scansione dei sistemi mira a individuare vulnerabilità note o potenziali, come versioni obsolete del software, configurazioni errate o servizi esposti;
  2. Valutazione del Rischio: Dopo aver identificato le vulnerabilità, vengono valutate in base al loro impatto potenziale e alla probabilità che possano essere sfruttate da un attaccante;
  3. Generazione di Report: I risultati del test di vulnerabilità vengono solitamente documentati in un rapporto dettagliato che elenca le vulnerabilità individuate e offre raccomandazioni per la correzione.

Penetration Test

Il penetration testing è una fase successiva, in cui un ethical hacker tenta attivamente di sfruttare le vulnerabilità identificate durante la fase di Vulnerability Assessment. Questa attività è più “aggressiva” rispetto al test di vulnerabilità e include i seguenti aspetti:

  1. Simulazione di Attacchi: Durante il penetration testing, l’ethical hacker cerca attivamente di sfruttare le vulnerabilità per ottenere accesso non autorizzato ai sistemi o alle reti;
  2. Test della Risposta: Il penetration testing valuta anche la risposta del sistema alle attività di attacco simulato, inclusa la rilevazione delle intrusioni e la risposta alle violazioni;
  3. Concatenazione delle vulnerabilità: una volta che la vulnerabilità individuata dal VA è stata sfruttata, l’ethical hacker tenta di entrare in modo pervasivo nella rete sfruttando ulteriori vulnerabilità presente nei server (ad esempio una privilege escalation), fino ad ottenere il pieno controllo degli stessi o avere accesso ai dati;
  4. Test degli Utenti e delle Procedure: Il penetration test può coinvolgere anche attività di ingegneria sociale, in cui l’ethical hacker cerca di manipolare gli utenti o sfruttare errori umani per ottenere accesso, fino ad arrivare ad attacchi di sicurezza fisica come il tailgating.

Bug Hunting

I bug hunter sono esperti nell’individuare vulnerabilità in sistemi, applicazioni o reti. Molti bug hunter operano senza eseguire Vulnerability Assessment. Questi esperti utilizzano metodi di ricerca e analisi avanzati per individuare falle di sicurezza, spesso basandosi su una vasta esperienza nel campo dell’ethical hacking. Invece di seguire un approccio sistematico, possono concentrarsi su specifici obiettivi o applicazioni utilizzando tecniche di Fuzzing.

In sintesi, i Vulnerability Assessment sono la fase iniziale che identifica le falle potenziali. Il penetration test è un passo successivo che simula attivamente gli attacchi per valutare la reale vulnerabilità dei sistemi utilizzando falle di sicurezza note. Il Bug Hunting invece è l’elevazione del penetration test, dove si cercano falle non documentate all’interno dei software e dei device al momento non conosciute.

Tutti questi approcci sono fondamentali per garantire la sicurezza dei sistemi delle reti, anche se lo sforzo va contestualizzato attraverso una analisi del rischio rispetto ai dati da proteggere.

Degli hacker etici stanno partecipando ad una Capture The Flag (CFT). Si tratta di una esercitazione tra hacker etici dove diversi team devono gareggiare per raggiungere il massimo punteggio hackerando una infrastruttura informatica.

Protezione e Difesa dalle Minacce Informatiche

La protezione e la difesa dalle minacce informatiche rappresentano uno degli aspetti più critici nella gestione della sicurezza informatica. In questo capitolo, esamineremo i principali aspetti che un hacker etico rileva all’interno delle infrastrutture informatiche che devono essere rafforzati e sono:

  • Hardening: Questo processo coinvolge l’implementazione di misure di sicurezza rigorose, inclusi l’eliminazione di servizi non necessari, la configurazione di autorizzazioni e accessi appropriati, l’applicazione delle politiche di sicurezza e la disabilitazione di funzionalità non utilizzate. Inoltre, il “hardening” può includere la configurazione dei firewall, la limitazione dei privilegi e l’adozione di principi come il “principio del privilegio minimo” e l’adozione delle password policy. Questa pratica aiuta a ridurre la superficie di attacco e a mitigare le vulnerabilità potenziali;
  • Sviluppo Sicuro del Codice: Lo “sviluppo sicuro del codice” è un processo in cui gli sviluppatori di software scrivono codice con un’attenzione particolare alla sicurezza fin dall’inizio. Questo comporta l’identificazione, la prevenzione e la correzione delle vulnerabilità di sicurezza nel codice stesso. Gli sviluppatori seguono linee guida e best practices specifiche, come ad esempio una attenta validazione dell’input, la gestione sicura delle sessioni, la protezione contro le injection di SQL o vulnerabilità XSS. L’obiettivo è ridurre al minimo il rischio di vulnerabilità nel codice sorgente e, di conseguenza, nella produzione di software;
  • Patch Management: Le vulnerabilità dei software possono essere sfruttate dagli attaccanti. La gestione delle patch assicura che i sistemi siano costantemente aggiornati con le ultime correzioni di sicurezza per mitigare le vulnerabilità. l’applicazione di correzioni e aggiornamenti di sicurezza, è certamente un aspetto importante della sicurezza informatica. Tuttavia, il patching assieme all’hardening e allo sviluppo sicuro del codice, sono i fondamenti essenziali per prevenire le vulnerabilità. Inoltre, combinando tutti questi aspetti, si costruisce una difesa più solida contro le minacce informatiche;
  • Consapevolezza e Formazione: La consapevolezza è la prima linea di difesa. Gli utenti devono essere formati per riconoscere le minacce e adottare comportamenti sicuri online. Questo comprende la formazione sull’ingegneria sociale, il phishing, l’uso di password sicure e la navigazione sicura;
  • Firewall e Filtraggio del Traffico: I firewall e i sistemi di filtraggio del traffico sono progettati per monitorare il traffico di rete e impedire l’accesso non autorizzato o dannoso ai sistemi. Possono essere dispositivi hardware o software che limitano il traffico in base a regole predefinite e possono arrivare fino ad ispezionare le singole richieste inviate ad un server rilevando eventuali minacce;
  • Autenticazione Multi-Fattore (MFA): L’autenticazione multi-fattore richiede agli utenti di fornire due o più forme di autenticazione prima di ottenere l’accesso. Questo modello viene spesso consigliato nei report dagli ethical hacking in quanto consente una solida protezione rispetto alle singole credenziali di accesso;
  • Crittografia: la crittografia protegge i dati rendendoli illeggibili per chiunque non sia autorizzato a decifrarli. È ampiamente utilizzata per proteggere le comunicazioni e i dati sensibili;
  • Risposta agli Incidenti: È fondamentale avere un piano di risposta agli incidenti in caso di violazione o attacco. Questo piano dovrebbe definire le azioni da intraprendere per mitigare gli attacchi, ripristinare i sistemi e informare le parti interessate;
  • Backup e Ripristino dei Dati: I backup regolari e la capacità di ripristinare i dati sono cruciali per garantire la continuità operativa in caso di perdita di dati dovuta a un attacco ransomware o a un altro incidente;
  • Protezione dell’Accesso Privilegiato: I privilegi elevati rappresentano un obiettivo importante per gli attaccanti. La gestione dell’accesso privilegiato e il principio del privilegio minimo riducono il rischio:
  • Conformità e Politiche di Sicurezza: Le organizzazioni dovrebbero rispettare le normative di sicurezza e avere politiche ben definite per garantire la conformità e una gestione efficace della sicurezza.

La protezione e la difesa dalle minacce informatiche richiedono una combinazione di tecnologie, processi e consapevolezza umana. Nessun sistema è invulnerabile, ma una strategia di sicurezza ben progettata e un’attuazione diligente possono ridurre significativamente il rischio di subire attacchi informatici.

Conclusioni

In conclusione, l’Ethical Hacking è molto più di quanto possa apparire a prima vista. È una disciplina e una “filosofia” che combina creatività, profonda conoscenza tecnica e un forte senso etico per proteggere l’ambiente digitale in cui viviamo. Gli Ethical Hackers sono gli eroi moderni della sicurezza informatica, lavorando costantemente per identificare e risolvere le vulnerabilità nei sistemi e nelle reti, garantendo che le informazioni sensibili restino al sicuro dalle minacce.

Questo articolo ha gettato luce sui fondamenti dell’Ethical Hacking, evidenziando la sua origine nella cultura hacker del MIT e dimostrando che gli Ethical Hackers sono ben lontani dalla rappresentazione stereotipata dei film. Sono professionisti altamente qualificati, con una vasta gamma di competenze e una mentalità creativa. Il loro obiettivo principale è proteggere i dati e le infrastrutture digitali, e lo fanno seguendo un rigoroso codice etico che garantisce che le loro azioni siano legali, rispettose della privacy e dei diritti degli individui.

L’importanza dell’Ethical Hacking non può essere sottovalutata in un’epoca in cui la tecnologia è onnipresente e le minacce informatiche sono sempre in agguato. Questi professionisti svolgono un ruolo cruciale nella difesa contro i criminali informatici, contribuendo a mantenere la nostra vita digitale al sicuro. La loro dedizione, competenza e etica li rendono veri guardiani della sicurezza cibernetica, pronti a sfidare e superare le sfide del mondo digitale.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.